Il Sud America sta quasi esplodendo quando si tratta di pittoresche città coloniali, promettendo una finestra sul passato attraverso le loro strade di ciottoli senza tempo, chiese ornate e piazze alberate. Questo stile architettonico distintivo e assolutamente pittoresco è dovuto all'era coloniale, quando i conquistatori europei dalla Spagna e dal Portogallo costruirono città e città attirando influenze dai loro paesi d'origine. Molte di queste splendide città coloniali del Sud America sono state meravigliosamente conservate e persino protette con lo status di patrimonio mondiale dell'UNESCO, offrendo sia un'istantanea del patrimonio della regione sia un senso di magia nell'aria. In Perù, Brasile, Colombia, Argentina ed Ecuador, continuate a leggere per saperne di più su alcune delle nostre città coloniali preferite in Sud America.

Arequipa, Perù

Il Perù è un paese che gocciola nelle città coloniali, con Cusco che batte la bandiera per il più bello di tutti. Ma Arequipa, la seconda città del Perù dopo Lima, mostra silenziosamente le sue gemme architettoniche a coloro che si avventurano oltre Cusco e la Valle Sacra. Conosciuta come la "Città Bianca" per le sue pareti argentate, ricoperte da una colonna vulcanica, Arequipa è davvero pittoresca, sostenuta dall'incombente vulcano El Misti e disseminata di strade colonnate, grandi case a schiera e chiese, soprattutto la sublime Cattedrale che si erge nello skyline con splendore regale. Ma non è tutto: Arequipa ospita anche il Convento di Santa Catalina, risalente al 16 ° secolo e un convento di lavoro fino ai nostri giorni. Attraversa i chiostri del convento, attraverso suggestivi cortili e pareti del passato in terracotta rossa e blu fiordaliso, assorbendo lo spirito sacrosanto di questo luogo speciale.

Ouro Preto, Brasile

Il Brasile ostenta la sua giusta quota di graziose città coloniali in Sud America, ma Ouro Preto si distingue per essere davvero molto speciale. Significa "oro nero" in portoghese, Ouro Preto fu un importante centro per l'estrazione dell'oro nel 18 ° secolo, e con questo arrivarono sferzate di ricchezza. Mentre molto di questo oro è stato inviato attraverso l'Oceano Atlantico in Portogallo, molto è stato versato nella costruzione dell'architettura barocca di Ouro Preto, tra cui il maestoso Matriz Nossa Senhora do Pilar che è intarsiato con un incredibile 400 kg di oro. Questa Basilica della Cattedrale è una delle tante imponenti gemme barocche della città, accanto a stradine acciottolate, piazze, fontane e ponti, tutte nascoste tra le dolci colline del Minas Gerais - uno spettacolo davvero affascinante. Non sorprende quindi che, nel 1980, Ouro Preto sia diventato il primo sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO in Brasile. Durante una visita a Ouro Preto, oltre a passeggiare semplicemente per le sue suggestive strade, puoi saperne di più sul grande artista Aleijadinho nel suo omonimo museo, che era responsabile di gran parte della sorprendente arte religiosa della città, tra cui quella del São Francisco de Assis Chiesa.

Villa de Leyva, Colombia

È come se il tempo si fosse fermato nella città colombiana di Villa de Leyva, un delizioso insieme di tetti in terracotta, pareti imbiancate a calce e stradine acciottolate che rimangono praticamente invariate dal XVI secolo. La città prese il nome da Andrés Díaz Venero de Leyva, il primo presidente del Nuovo Regno di Granada, alla sua fondazione nel 1572, sebbene fosse stata abitata dalla civiltà Muisca molto prima dell'arrivo degli spagnoli. Durante il dominio coloniale, ai leader piaceva sfuggire al trambusto della capitale, Bogotà, per la pace e la tranquillità di Villa de Leyva, con il suo clima mite e gli splendidi paesaggi montani. Oggi è altrettanto probabile che i visitatori restino incantati da Villa de Leyva, con l'inconfondibile Plaza Mayor, una delle più grandi della Colombia a 14.000 mq; chiese, come la Iglesia Parroquial e il Convento del Santo Ecce Homo; e caffè e boutique artigianali - un'aggiunta moderna a questa città coloniale di scatole di cioccolatini.

Salta, Argentina

L'Argentina nordoccidentale è una regione ricca di catene montuose drammatiche striate in un arcobaleno di colori, vasti deserti e persino saline. Ma la città al centro di tutto, Salta, non deve essere trascurata in un viaggio nel nord-ovest dell'Argentina. Salta fu fondata nel 1582 e successivamente seguirono le piazze, le chiese e le facciate colorate, con la 9 de Julio Plaza al centro di tutto. Qui è possibile trovare alcuni dei migliori esempi dell'architettura coloniale di Salta, tra cui l'inconfondibile Basilica della Cattedrale con la sua facciata rosa pastello, risalente alla metà del XIX secolo dopo che la prima Cattedrale fu distrutta da un terremoto. Puoi anche esplorare il Cabildo, un edificio-museo-governo con un tranquillo cortile interno, e la Chiesa e il Palazzo di San Francisco, tutti scorci affascinanti dell'eredità di Salta.

Cuenca, Ecuador

Cuenca è la terza città più grande dell'Ecuador (dopo Guayaquil e Quito), con un centro storico tutelato dall'UNESCO e un'atmosfera incantevole da abbinare. C'è una miriade di edifici storici da esplorare a Cuenca, ma forse le più impressionanti di tutte sono le chiese della città. Antica come la città stessa, la Iglesia del Sagrario (o "Vecchia Cattedrale" come viene soprannominata) è una brillante gemma barocca bianca del 1557 con cappelle decorate, arte religiosa e un organo splendente.Nel frattempo, la "Nuova Cattedrale" (Catedral de la Inmaculada Concepcion) è una meraviglia architettonica straordinaria con le sue grandi cupole blu realizzate con piastrelle ceche, visibili a miglia di distanza. Oltre ai suoi monumenti religiosi, Cuenca è una delizia da scoprire immergendosi in caffè e musei, molti dei quali sono racchiusi in splendidi edifici coloniali e semplicemente guardando il mondo che passa.


PERU' 02 - LIMA Città dei Re - Ciudad de los Reyes - City of the Kings - Agosto 2022